Nefrite tubulo-interstiziale cronica (N11)

Potenza

Incluso: cronico:

  • nefrite interstiziale infettiva
  • pielite
  • pielonefrite

Se necessario, identificare l'agente infettivo utilizzando un codice aggiuntivo (B95-B98).

In Russia, la Classificazione Internazionale delle Malattie della 10a revisione (ICD-10) è stata adottata come documento normativo unico per spiegare l'incidenza, le cause delle chiamate pubbliche alle istituzioni mediche di tutti i reparti, le cause del decesso.

L'ICD-10 è stato introdotto nella pratica dell'assistenza sanitaria in tutto il territorio della Federazione Russa nel 1999 per ordine del Ministero della Sanità della Russia, datato 27 maggio 1997. №170

Il rilascio di una nuova revisione (ICD-11) è pianificato dall'OMS in 2017 2018.

Eziologia di pyelonephritis affilato e metodi attuali di cura della malattia

La pielonefrite renale acuta, secondo le statistiche, è comune, seconda solo alle infezioni del tratto respiratorio superiore.

Pertanto, è consigliabile conoscere in anticipo la questione di cosa sia la pielonefrite acuta. I sintomi e le caratteristiche del trattamento di questa malattia saranno discussi in dettaglio - questo vi permetterà di rispondere rapidamente nel caso in cui la malattia si sia verificata.

Pielonefrite acuta: eziologia e patogenesi

Infiammazione primaria che di solito si manifesta dopo mal di gola, foruncolosi cutanea, mastite e altre malattie infettive.

La pielonefrite acuta nei bambini e negli adulti si manifesta nei seguenti sintomi:

  • mal di testa;
  • debolezza generale. Tuttavia, i bambini, al contrario, possono sperimentare un'eccitazione generale grave;
  • dolore alle articolazioni e ai muscoli delle braccia e delle gambe;
  • nausea, occasionalmente accompagnata da vomito;
  • a causa del rilascio di una grande quantità di sudore viene espulsa una piccola quantità di urina. In questo caso, in generale, non si osservano disturbi della minzione;
  • brividi caratteristici di questa forma della malattia, come pielonefrite purulenta acuta;
  • abbastanza spesso insieme a un brivido c'è sudorazione, la temperatura sale. Raggiunge quindi 40 gradi, quindi scende a 37,5, formando le cosiddette oscillazioni frenetiche. Tali fluttuazioni possono verificarsi più volte in un giorno, segnalando la formazione di nuovi pustole;
  • dolore sordo nella regione lombare. Queste sensazioni, di regola, tendono a continuare nell'area sotto le costole o all'inguine. Si manifestano approssimativamente il secondo o il terzo giorno dopo l'inizio della malattia. Ma a volte appaiono più tardi. Se si osserva disagio da un lato, significa che si è verificata una pielonefrite unilaterale. Se su entrambi i lati, rispettivamente, bilaterale. Quando calci, tosse, svolte spensierate, queste sensazioni aumentano;
  • le manifestazioni delle membrane meningee possono essere caratteristiche dei bambini. In altre parole, diventa difficile per loro fare movimenti con il collo, per piegare le gambe fino alla fine. Diventa difficile per un bambino portare luce intensa, suoni forti, odori taglienti. A volte fastidioso e commovente.

I seguenti segni di pielonefrite acuta sono caratteristici dell'infiammazione secondaria:

  • Colica nella zona dei reni si verifica quando l'urina nel deflusso incontra pietre. Questo fenomeno è accompagnato da un aumento della temperatura fino a 39 gradi e da un generale peggioramento del benessere. La temperatura nei bambini cambia particolarmente bruscamente;
  • una persona sperimenta mal di testa persistente;
  • la sete spesso si verifica;
  • i dolori lombari diventano permanenti;
  • c'è un battito del cuore più rapido del solito;
  • durante la minzione si osservano problemi
Si raccomanda di adottare misure tempestive se i sintomi clinici compaiono diversi giorni o settimane dopo la cessazione dell'infezione.

diagnostica

La diagnosi differenziale di pyelonephritis affilato include le procedure seguenti:

  • palpazione della zona sotto le costole e la parte bassa della schiena. Con questa diagnosi, di solito, i muscoli addominali e la zona lombare sono in uno stato di tensione, e il rene è in uno stato ingrandito. Toccando il bordo del palmo con 12 spigoli quando si tocca, si ottengono sensazioni dolorose. Il medico dovrebbe escludere la probabilità che il paziente sia ammalato con appendicite, pancreatite, colecistite acuta, tifo, sepsi, meningite, ulcera;
  • esame urologico. Gli uomini devono sottoporsi a un esame rettale, le donne - vaginali;
  • analisi delle urine - necessaria per determinare il contenuto di batteri e globuli bianchi, globuli rossi, proteine. Questo approccio aiuta a determinare se la pietra interferisce con il flusso di urina, oltre a stabilire se il paziente ha la pielonefrite, unilaterale o bilaterale. La distruzione dei tessuti dei reni e dell'uretere è determinata dai globuli rossi;
  • coltura delle urine - aiuta a determinare il tipo di batteri, nonché il grado della loro sensibilità a determinati antibiotici. Questo metodo di ricerca è considerato quasi ideale per gli scopi elencati;
  • esame biochimico delle urine - rivela un aumento della quantità di creatinina e una diminuzione del potassio, urea. Questa immagine è tipica per la pielonefrite acuta;
  • Il test di Zimnitsky: aiuta a determinare la quantità di urina al giorno. In una persona malata, la quantità di urina notturna supererà quella del giorno;
  • analisi del sangue biochimico - se il contenuto di creatinina e urea aumenta, che è caratteristica di questa malattia, l'analisi sarà in grado di risolverlo;
  • Ultrasuoni: consente di diagnosticare un aumento delle dimensioni del rene, modificandone la forma, in modo rapido e con un alto livello di precisione. La presenza di calcoli renali è anche evidente. Determinato con alta precisione e la loro posizione.

Immediatamente il codice di pyelonephritis affilato secondo ICD-10 ha N10-N11.

Quando si conferma una malattia, è imperativo sottoporsi a ospedalizzazione - questo aiuterà a determinare con maggiore precisione la forma della malattia e il suo stadio.

trattamento

Al paziente viene assegnato il riposo a letto quando la diagnosi è confermata. La sua durata dipende da molti fattori: la presenza o l'assenza di complicanze, l'intossicazione.

Non è auspicabile che i pazienti si alzino ancora una volta dal letto. A proposito dello sforzo fisico di diversi gradi di intensità e parola non può essere.

Inoltre, è auspicabile sottoporsi a un trattamento di riacutizzazione in un ospedale, sotto la supervisione di specialisti 24 ore su 24. Non appena vengono rimosse le complicanze, l'esacerbazione diminuisce, l'indice di pressione sanguigna si normalizza, il regime diventa meno severo.

Il prossimo requisito obbligatorio per una pronta guarigione è una dieta rigorosa per la pielonefrite acuta. Condimenti piccanti, cibi fritti, cibo in scatola, bevande alcoliche sono severamente vietati in qualsiasi dosaggio. Anche un cibo sano come il brodo può essere dannoso se è ricco. Tutto il cibo elencato può irritare gli organi coinvolti nell'escrezione di urina.

Ma ciò che può e dovrebbe essere fatto è bere almeno due o due litri e mezzo di acqua ogni giorno.

Se viene data l'opportunità, è possibile aumentare il volume a tre litri. Questo contribuisce alla rimozione di intossicazione.

Dal momento che il fluido non indugia nel corpo, non ti puoi preoccupare che una grande quantità di acqua possa causare danni.

Tuttavia, quando si osserva un'esacerbazione della pielonefrite cronica, il trattamento dell'acqua deve essere rallentato. È desiderabile ridurre la quantità di fluido consumato in modo che sia uguale al volume emesso al giorno.

Tuttavia, non è necessario consumare solo acqua. Può essere sostituito con succhi naturali freschi, tè verde, composta, decotto di rosa canina, succo di mirtillo, kissel, tè verde, acqua minerale. Così come l'acqua, nel corpo di un paziente con pielonefrite dovrebbe essere una quantità sufficiente di sale.

È consigliabile includere nella dieta una grande quantità di alimenti a base di latte fermentato e alimenti ricchi di carboidrati, grassi, proteine, vitamine.

Il contenuto calorico totale delle pietanze non dovrebbe superare i 2000-2500 kcal, ovvero la dieta quotidiana di un paziente adulto.

Frutta, verdura e cereali sono i benvenuti. Anche la carne è desiderabile, ma solo se viene servita bollita e senza spezie piccanti.

In caso di malattia primaria, viene prescritto il trattamento della pielonefrite acuta con antibiotici ad ampio spettro. Ma dopo che lo specialista determina la sensibilità, può prescrivere farmaci con un focus mirato.

Gli antibiotici più comunemente prescritti sono Cefuroxime, Gentamicina, Cefaclor, Ciprofloxacina, Norfloxacina, Ofloxacina, Cefixima. Tuttavia, se la malattia è grave e il trattamento non porta risultati tangibili, il medico può prescrivere altri medicinali. O prescrivi la loro combinazione - tutto molto individuale.

I farmaci antibatterici sono prescritti a seconda che l'agente eziologico della pielonefrite sia o meno sensibile a loro. Tuttavia, gli antibiotici per la pielonefrite acuta, in ogni caso, non possono essere bevuti per più di sei settimane - altrimenti la malattia può diventare cronica o, se i miglioramenti iniziano a verificarsi, si verificherà una ricaduta. Si raccomanda in media ogni cinque o sette giorni di cambiare il farmaco.

Per quanto riguarda i farmaci anti-infiammatori, Furagin, Urosulfan, Biseptol, Gramurin, Furadonin, Nevigremon sono più spesso raccomandati.
Nel caso della pielonefrite secondaria, la cosa più importante è assicurarsi che l'urina abbia un passaggio normale.

Se c'è un blocco dell'uretere con una piccola pietra, puoi aspettare la sua scarica indipendente.

Il cateterismo è un grande aiuto in questo caso. Se la terapia farmacologica e la cateterizzazione non aiutano per tre giorni, l'intervento chirurgico non è escluso per rimuovere la pietra. Se l'educazione è grande, l'intervento viene eseguito immediatamente.

La prossima è la conclusione artificiale del fluido - drenaggio. Parallelamente, il medico prescrive una terapia consistente nel prendere agenti antibatterici. Grazie a lei, i brividi e la febbre vengono eliminati, il dolore si ferma.

Con una malattia così grave come la pielonefrite acuta, il trattamento deve essere assunto sotto la supervisione di uno specialista, l'auto-trattamento è inaccettabile.

Video correlati

Ancora più informazioni utili sulla pielonefrite acuta cronica - le cause, l'eziologia ei metodi per curare la malattia - nel programma televisivo "Vivi in ​​salute!" Con Elena Malysheva:

Pyelonephritis affilato e cronico - la malattia non è il più piacevole, ma curabile. Se il trattamento giusto viene avviato in tempo sotto la supervisione di specialisti, le complicanze della pielonefrite acuta possono essere prevenute e la malattia può essere eliminata. La previsione in questo caso è quasi sempre favorevole.

La pielonefrite cronica codifica nell'ICD

La malattia infettiva dei reni, caratterizzata da lesioni del sistema di placenta della coppa del bacino o di tessuti di un organo, è chiamata pielonefrite. Questa malattia è pericolosamente rapido sviluppo nella forma cronica, pielonefrite cronica secondo ICD 10 ha il codice N11.

Se la malattia è accompagnata da infiammazione purulenta, può essere fatale, è importante non iniziare la patologia nella fase iniziale. La pielonefrite cronica è quasi impossibile da curare, ma i moderni prodotti medici possono prevenire lo sviluppo della malattia e ottenere una remissione a lungo termine, in modo che il paziente non si senta a disagio ed eviti una minaccia per la vita.

classificazione

Fondamentalmente, i bambini di età inferiore a 3 anni sono affetti da questa malattia, a causa della probabilità di reflusso e di giovani ragazze che iniziano a fare sesso. Inoltre, la malattia può svilupparsi nelle persone anziane e nelle donne durante la gravidanza.

La pyelonephritis di XP secondo ICD 10 che ha il codice N11, è divisa in parecchi segni.

A seconda dell'origine:

  • secondario (codice ostruttivo N1) - si verifica a causa della stagnazione nei tessuti dei reni, con ridotta immunità, presenza di problemi urogenitali, sullo sfondo di una malattia infettiva e altre patologie.
  • primario (non ostruttivo, codice N0) è un processo infiammatorio che non è causato da disturbi dell'urodinamica e malattie del sistema renale.

La forma della malattia: uno stato di remissione o esacerbazione.
Per localizzazione - unilaterale o bilaterale.

Nefrite tubulo-interstiziale cronica (codice N8 o N11.9, se non specificata) interessa il tessuto interstiziale (interstiziale).

sintomatologia

Nel periodo di remissione, la malattia non si è quasi manifestata, forse un leggero aumento della temperatura corporea, il verificarsi di debolezza, minzione frequente, dolore nella parte bassa della schiena.

Durante una riacutizzazione, la pielonefrite secondo l'ICD 10 N11 è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  • un forte aumento della temperatura, possibilmente in un punto critico (fino a 40 gradi);
  • aumento della fatica, insonnia forse aggravata;
  • frequenti emicranie;
  • dolore acuto nella regione lombare, accompagnato da brividi;
  • gonfiore del viso e degli arti inferiori;
  • aumento della minzione, indipendentemente dal volume di fluido consumato;
  • odore sgradevole e aspetto fangoso delle urine.

Se si verificano tali sintomi, è necessario consultare un medico che condurrà ricerche e diagnosi. Prima di tutto viene prescritta l'analisi delle urine, che aiuta a identificare la pielonefrite dovuta alla presenza di sangue e proteine ​​nelle urine.

Trattamento e prevenzione

Nell'ICD 10, la pielonefrite è una parte delle malattie urinarie. Il trattamento di questa malattia nel periodo di esacerbazione viene eseguito esclusivamente in ospedale. Assicurati di aderire al riposo a letto, assumere farmaci antibatterici e test immunologici.

Per aiutare nella lotta contro la malattia può la medicina tradizionale, che offre decotti e infusi di erbe e bacche che hanno proprietà diuretiche (ad esempio, mirtilli rossi).

Il paziente è tenuto ad effettuare le regolazioni a dieta, dovrebbe seguire una dieta speciale e consumare molta acqua (tra cui minerale medicinale).In caso di diagnosi di pielonefrite cronica, è necessario aderire al sistema, assicurarsi di sottoporsi a visite mediche non meno di una volta l'anno, preferibilmente ogni sei mesi. Si raccomanda inoltre di eliminare il consumo di bevande alcoliche, e nella stagione fredda, vestiti caldi ed evitare l'ipotermia.

Salva il link o condividi informazioni utili nel social. networking

Codice di pyelonephritis cronico e affilato secondo MKB 10

Il codice della pielonefrite cronica ICD 10 è un processo infiammatorio che si diffonde nei reni e si manifesta con malessere generale e comparsa di dolore nella regione lombare, oltre ad altri segni. La pielonefrite negli stadi cronici e acuti può manifestarsi con vari sintomi e richiede un trattamento tempestivo con antimicrobici.

sintomi

Per quanto riguarda la pielonefrite xp, il codice secondo MKB 10, questa patologia durante la remissione non può disturbare la persona e potrebbe non manifestare alcun sintomo. In alcune situazioni, una persona può diagnosticare un aumento della temperatura corporea, così come la comparsa di dolore nella regione lombare, debolezza e aumento della minzione.

Oltre al periodo di remissione, la pielonefrite cronica presenta anche uno stadio acuto, caratterizzato da sintomi pronunciati, quali:

  • frequenti emicranie;
  • torbidezza delle urine e l'aspetto del suo odore sgradevole;
  • un forte aumento della temperatura corporea, in alcune situazioni, in un punto critico;
  • un aumento della quantità di urina secreta, indipendentemente dalla quantità di fluido consumato;
  • aumento della fatica e sensazione di malessere costante;
  • il verificarsi di insonnia;
  • condizioni edematose degli arti inferiori e del viso.

Per quanto riguarda la pielonefrite acuta, il codice secondo MKB 10, la patologia rispetto alla forma cronica si manifesta con una sintomatologia abbastanza pronunciata. Questa patologia inizia con dolore acuto da piercing nella regione lombare. Molto spesso, una persona sviluppa colica renale, che è caratterizzata da dolore insopportabile, che non può essere rimosso anche con l'aiuto di analgesici. Il dolore si diffonde spesso nella zona inguinale, così come nella coscia.

Nella fase acuta della pielonefrite, una persona generalmente presenta un aumento della temperatura corporea, che in alcuni casi può raggiungere un punto critico. Inoltre, in questa fase della malattia negli esseri umani, c'è una sudorazione abbondante, una minzione frequente e dolorosa e nelle urine molto spesso possono esserci impurità nel sangue.

Tra le altre cose, i seguenti segni possono indicare lo sviluppo della fase acuta della pielonefrite:

  • debolezza generale e malessere generale;
  • mal di testa;
  • nausea e vomito;
  • segni comuni di intossicazione.

Indipendentemente da quale stadio di pielonefrite si sviluppi nel corpo umano quando compaiono i primi sintomi, è necessario contattare immediatamente un istituto medico, poiché anche il minimo ritardo può provocare conseguenze gravi e potenzialmente letali.

diagnostica

Al fine di fare una diagnosi accurata, il medico deve prima raccogliere una storia completa e confrontarla con i segni clinici che sono attualmente presenti.

La fase successiva della diagnosi è un esame approfondito del paziente con la palpazione. Ciò è necessario prima di tutto per stabilire il grado di dolore nella zona interessata, nonché per determinare le dimensioni del gonfiore e della tensione dei muscoli addominali e della schiena.

Inoltre, al paziente viene assegnato un numero di studi supplementari di laboratorio e strumentali, che includono:

  • consegna dell'analisi generale di urina;
  • semina batteriologica di urina;
  • emocromo completo;
  • radiografia generale;
  • esame ecografico;
  • CT e RM.

Solo dopo che tutti i risultati degli studi sopra sono pronti, il medico farà una diagnosi accurata e sulla base di ciò selezionerà il trattamento più efficace.

trattamento

Affinché il trattamento sia efficace, prima di tutto, una persona deve scoprire la causa che ha provocato lo sviluppo della malattia, solo dopo che è stato selezionato un metodo di terapia combinato in cui è molto importante seguire tutte le raccomandazioni del medico curante.

Nel caso in cui la causa della pielonefrite acuta o cronica codifica ICB 10 siano calcoli nei reni, quindi per eliminarli, nella maggior parte dei casi, è necessario un intervento chirurgico. Se viene diagnosticato un tumore nel corpo, viene rimosso chirurgicamente e viene anche usata molto spesso la chemioterapia, oltre alla radioterapia. Per quanto riguarda il trattamento conservativo, in questo caso, i seguenti farmaci sono principalmente prescritti:

  • antibiotici ad ampio spettro come Ampicillina, Tetraciclina o Oletetrina;
  • antibiotici di uno spettro d'azione diretto, come Nevigremon o Negram;
  • uroseptics, come Furomag o Furadonin;
  • antispastici come No-shpa, Platyfillin o estratto di belladonna;
  • farmaci anti-infiammatori come Nurofen o Ibuprofen.

Nel caso in cui la malattia venga diagnosticata nella fase cronica, oltre ai farmaci sopra elencati, è necessario utilizzare in aggiunta immunomodulatori e una preparazione anti-infiammatoria a base di erbe come Canephron.

Come dimostra la pratica medica, per liberarsi dalla forma cronica di pielonefrite, il trattamento può durare per anni. Durante questo periodo, il paziente sotto la guida chiara del medico curante dovrebbe assumere antibiotici e antisettici, che sono necessariamente combinati e si alternano l'uno con l'altro. Inoltre, per sbarazzarsi del processo patologico il prima possibile, dovresti usare gli strumenti della medicina tradizionale insieme alle medicine. Devono anche prendere solo dopo aver consultato il medico. L'auto-trattamento è severamente vietato, in quanto ciò può provocare lo sviluppo di gravi complicazioni.

Nel corso del trattamento è molto importante seguire una dieta, che è considerata la chiave per una ripresa efficace e tempestiva. Il cibo deve essere selezionato in modo tale da ridurre significativamente il carico sui reni e normalizzare il flusso di urina. È necessario rifiutare piatti fritti, salati, affumicati e anche confetteria. Si dovrebbe anche seguire il regime di bere, e per questo è necessario bere almeno 2,5 litri di acqua al giorno.

prevenzione

Al fine di cercare di prevenire l'insorgenza di pielonefrite nel processo di vita dovrebbe seguire regole e raccomandazioni abbastanza semplici:

  • trattare tempestivamente tutti i cambiamenti patologici che si verificano nel corpo umano;
  • non permettere l'ipotermia;
  • dare la preferenza ad una dieta equilibrata ed equilibrata;
  • abbandonare completamente tutte le cattive abitudini;
  • costantemente lavorando per rafforzare il sistema immunitario.

Queste regole abbastanza semplici aiuteranno a ridurre significativamente il rischio di pielonefrite, oltre a evitare spiacevoli conseguenze e complicazioni.

Per quanto riguarda la forma cronica della malattia, il pericolo è che la malattia per lungo tempo non si manifesti affatto, il che contribuisce allo sviluppo di complicanze e altre malattie associate che possono non solo avere un impatto negativo sul corpo umano, ma anche causare la morte.

Il pericolo della forma acuta di pielonefrite è che se non si avvia tempestivamente un trattamento prescritto professionalmente o si ignorano i sintomi che indicano la malattia, la patologia può trasformarsi in uno stadio cronico, che sarà piuttosto problematico da eliminare.

Prognosi e possibili complicanze

Nel caso in cui a un paziente venga diagnosticata una forma acuta di pielonefrite, il suo pericolo risiede nel possibile sviluppo di complicanze quali l'insufficienza renale, la transizione della malattia in una forma cronica, così come l'insorgenza di necrosi delle papille renali o paranfrite. Le complicanze più gravi che possono svilupparsi durante la fase acuta della pielonefrite sono la sepsi e la possibilità di shock batterico.

Per quanto riguarda la forma cronica del processo patologico, le complicanze più comuni sono lo sviluppo di ipertensione arteriosa nefrogenica e l'insufficienza renale cronica.

Fai attenzione! Se a una persona viene diagnosticata una fase cronica della malattia, quindi nel tempo, la patologia può provocare la morte completa dei tessuti renali, nonché l'insorgenza di disfunzione d'organo.

La prognosi per sbarazzarsi della malattia si basa principalmente sulla causa, che ha provocato lo sviluppo della malattia, nonché su come sono state fornite cure mediche tempestive ed efficienti.

Se la ragione è stata nascosta nelle anomalie congenite della struttura degli organi, allora tali deviazioni sono corrette con successo, così come la maggior parte delle forme di urolitiasi. Se la causa della patologia è una formazione di tumore, la prognosi dipende completamente da quale stadio della malattia viene rilevato. Quando appaiono i primi segni, è molto importante non auto-medicare, così come cercare immediatamente l'aiuto di un istituto medico. Solo in questo modo possiamo cercare di prevenire lo sviluppo di gravi complicazioni, che a volte anche costano la vita.

Cause di pielonefrite cronica, classificazione e trattamento della malattia

La forma cronica di pielonefrite è un processo infiammatorio che si diffonde nei reni. La malattia si manifesta sotto forma di malessere, sensazioni dolorose nella regione lombare e altri sintomi.

La pielonefrite in forma cronica ha diverse fasi, ognuna delle quali si manifesta con determinati segni. Il trattamento viene effettuato con l'aiuto di farmaci antimicrobici.

Informazioni generali sulla malattia

La pielonefrite cronica è un'infiammazione non specifica del tessuto renale. Come risultato della diffusione del processo patologico, si nota la distruzione dei vasi dell'organo e del bacino.

La forma cronica si sviluppa sullo sfondo della pielonefrite acuta precedentemente sofferta, in cui il trattamento è stato eseguito in modo errato o completamente assente. In alcuni casi, la patologia può essere asintomatica e molti pazienti non si accorgono nemmeno della presenza della malattia. La pielonefrite può acquisire un corso cronico per diversi motivi:

  • reflusso di urina;
  • trattamento inferiore della forma acuta;
  • violazione dell'escrezione urinaria a causa del restringimento delle vie urinarie;
  • intossicazione cronica.

La pielonefrite cronica ICD-10 ha il codice N11 ed è suddivisa secondo vari segni in diverse forme.

statistica

Secondo statistiche, pyelonephritis cronico è istituito nel 60% di casi del sistema urinario con lo sviluppo del processo incendiario. Nel 20% della patologia si sviluppa sullo sfondo di un decorso acuto.

Il decorso cronico differisce da quello acuto in quanto il processo patologico colpisce entrambi i reni e gli organi non sono colpiti allo stesso modo. Questa forma più spesso procede in modo latente e le remissioni sono sostituite da esacerbazioni.

Eziologia della malattia

La pielonefrite si sviluppa come risultato dell'attivazione e diffusione di microbi patogeni sullo sfondo dell'influenza di vari fattori. Il più delle volte si tratta di infezione da E. coli, streptococchi, enterococchi e altri microrganismi.

Ulteriori cause di infiammazione nei reni sono:

  • trattamento scorretto della forma acuta della malattia;
  • urolitiasi, adenoma prostatico, reflusso urinario e altre malattie del sistema urogenitale che non sono stati diagnosticati e trattati in modo tempestivo;
  • la proliferazione di batteri che sono lunghi nei tessuti dei reni;
  • diminuzione dell'immunità a causa di malattie infettive prolungate o stati di immunodeficienza;
  • la pielonefrite cronica può essere una complicanza dopo infezioni virali respiratorie acute, tonsillite, morbillo, polmonite o scarlattina (la maggior parte dei bambini è suscettibile);
  • patologie croniche come diabete mellito, tonsillite, obesità o problemi intestinali;
  • nelle donne, la patologia si sviluppa sullo sfondo della gravidanza, dopo il parto, o durante l'inizio dell'attività sessuale;
  • malattie congenite non identificate del sistema genito-urinario.

L'ipotermia e la presenza di reazioni autoimmuni possono provocare lo sviluppo del processo patologico.

Quadro clinico

La pielonefrite cronica può essere asintomatica. I segni nel periodo di remissione non compaiono. Diventano pronunciati nella fase di aggravamento. Le principali manifestazioni cliniche della pielonefrite includono:

  1. Intossicazione del corpo. È caratterizzato dalla presenza di debolezza generale, nausea, vomito, malessere, perdita di appetito, febbre e mal di testa e brividi. Nella diagnosi, si notano pallore della pelle e tachicardia.
  2. Sensazioni dolorose Localizzato principalmente nella regione lombare.
  3. L'odore sgradevole di urina, in particolare, può essere osservato nelle prime ore del mattino, dopo il sonno.
  4. Dolore durante la minzione, frequente desiderio di andare in bagno.

Sullo sfondo della pielonefrite cronica, si verificano disturbi dell'acqua e degli elettroliti, che si manifestano come secchezza delle fauci, crepe nelle labbra, desquamazione della copertura del cavallo e sete costante.

La malattia ha diversi stadi, ciascuno dei quali si manifesta con sintomi speciali, in presenza dei quali il medico può determinare il grado di sviluppo della patologia e prescrivere il trattamento necessario.

  1. Aggravamento. In questa fase, i segni sono pronunciati. Ha osservato forte dolore e intossicazione. In uno studio di laboratorio sul sangue, un aumento del numero di leucociti, viene stabilita una VES accelerata. L'anemia è anche osservata. La mancanza di trattamento in questa fase porta allo sviluppo dell'insufficienza renale, la cui diagnosi e terapia sono difficili.
  2. Latente. I sintomi non sono pronunciati. I pazienti spesso lamentano stanchezza e debolezza costante. In casi eccezionali, si nota l'ipertermia. Il dolore nella regione lombare e durante la minzione sono praticamente assenti. La capacità dei reni sullo sfondo del processo patologico di concentrare l'urina diminuisce, il che influenza la sua densità. In uno studio di laboratorio sull'urina, viene stabilita la presenza di batteri e leucociti.
  3. Remissione. Non ci sono sintomi in questa fase. La malattia non mostra alcun segno, il che complica la diagnosi. Durante i test di laboratorio delle urine, può essere stabilita una leggera deviazione dai valori normali. Quando esposto a fattori negativi, lo stadio di remissione entra in uno stadio di aggravamento, i sintomi diventano aggressivi, il paziente ha bisogno di assistenza medica.

Classificazione della malattia

Basato su ICD-10, le varietà e le forme di pyelonephritis cronico sono determinate da vari fattori. distinti:

  1. Forma cronica primaria La patologia si sviluppa su un organo sano, il processo patologico colpisce entrambi i reni.
  2. Forma cronica secondaria È una complicazione di un'altra patologia. All'inizio è unilaterale, poi l'infiammazione colpisce il secondo rene.

Un certo gruppo di scienziati preferisce suddividere la pielonefrite nella forma acquisita in comunità e nel nosocomiale quando il paziente richiede il ricovero in ospedale. A seconda della localizzazione del processo patologico, si distinguono:

Secondo la gravità della malattia da prendere in:

  • Complicato quando altre patologie si uniscono.
  • Semplice, procedendo senza malattie concomitanti.

Il gruppo separato include pielonefrite, che scorre con insufficienza renale. Molto spesso, le forme complicate sono diagnosticate in pazienti di sesso maschile.

Metodi di trattamento

La diagnosi e la terapia sono complicate dal fatto che nella fase di remissione, la malattia non mostra sintomi. Ogni paziente con pielonefrite cronica necessita di un approccio individuale e di un trattamento completo. In primo luogo, vengono prescritti farmaci per alleviare i sintomi e sradicare i microrganismi patologici per alleviare i sintomi nella fase acuta.

Quando si stabilisce la forma cronica di pielonefrite, vengono prescritti i seguenti gruppi di farmaci:

  • Cefalosporine. Kefzol, Zefepim o Zeporin;
  • Penicilline semisintetiche L'amoxiclav, l'ampicillina o l'oxacillina sono antibiotici ad ampio spettro che aiutano a distruggere i microrganismi che hanno causato lo sviluppo della malattia;
  • "Negram", il farmaco appartiene al gruppo di acidi nilidixici;
  • nei casi più gravi sono prescritti "Tobramicina", "Gentamicina" o "Kanamicina".

Come antiossidanti vengono usati acido ascorbico, "selenio", "tocoferolo". Gli antibiotici per la pielonefrite cronica sono prescritti per un massimo di otto settimane. Nel caso di un grave decorso della fase acuta, i farmaci antibatterici vengono somministrati per via endovenosa, il che aiuta a raggiungere una maggiore efficienza e risultati rapidi. Uno degli strumenti più moderni per la pielonefrite è considerato "5-NOC". Aiuta in breve tempo a fermare i sintomi e ridurre l'infiammazione.

Il paziente dovrebbe limitare il consumo di alimenti grassi, cibi salati e piccanti, nonché osservare il regime di assunzione di bevande prescritto dal medico.

Metodi popolari

Il trattamento della patologia può avvenire a casa dopo aver interrotto la fase acuta e solo dopo aver consultato il medico. Le più efficaci sono le seguenti ricette:

  1. Tè bianco d'acacia. Birra come un normale tè. Bere mezzo bicchiere per 10 giorni.
  2. Brodo di fagioli Un bicchiere di fagioli, tritare, versare un litro di acqua bollente, mettere a fuoco e portare a ebollizione. Fai 7 giorni di fila ogni giorno.
  3. Infusione di erica Due cucchiai di erbe essiccate versano due tazze di acqua bollente e vanno via per un'ora. Quindi filtrare e bere a grandi sorsi.

Quando pielonefrite utile e bagno con l'aggiunta di tintura di rami di pino. La temperatura dell'acqua non dovrebbe essere inferiore a 35 gradi. La durata della balneazione non supera i 15 minuti. Il corso del trattamento prevede 15 procedure.

Prevenzione delle malattie

Per evitare lo sviluppo di infiammazione nei tessuti dei reni dovrebbe osservare una serie di misure preventive. Gli esperti raccomandano:

  • evitare l'ipotermia;
  • mangiare bene;
  • rafforzare il sistema immunitario;
  • trattare tempestivamente le malattie infettive.

La forma cronica è pericolosa perché potrebbe non manifestarsi per molto tempo. La malattia è stabilita nella diagnosi di altre patologie. In caso di sintomi, si dovrebbe consultare un medico, in quanto la forma acuta si sviluppa sempre in uno cronico, che è difficile da trattare.

Pyelonephritis per MKB 10 - la classificazione della malattia

La pielonefrite è una malattia infiammatoria dei reni. La pelvi e il tessuto (principalmente interstiziale) sono colpiti direttamente. Le persone di tutte le età sono malate, ma nelle donne, a causa di caratteristiche strutturali, la patologia è più comune che negli uomini.

Secondo la classificazione internazionale delle malattie della decima revisione (ICD-10), la condizione è riferita alla classe XIV "Malattie del sistema urinogenitale". La classe è divisa in 11 blocchi. La designazione di ciascun blocco inizia con la lettera N. Ogni malattia ha un simbolo di tre cifre o di quattro cifre. La malattia infiammatoria ai reni si riferisce alle rubriche (N10-N16) e (N20-N23).

Cos'è una malattia pericolosa

  1. La malattia renale infiammatoria è una patologia comune. Chiunque può succhiare. Il gruppo di rischio è ampio: bambini, giovani donne, donne incinte, uomini anziani.
  2. Reni - il principale filtro del corpo. Durante il giorno passano attraverso se stessi fino a 2000 litri di sangue. Una volta che si ammalano, non affrontano la filtrazione delle tossine. Le sostanze tossiche rientrano nel flusso sanguigno. Sono sparsi per tutto il corpo e lo avvelenano.

I primi sintomi non sono immediatamente associati alla malattia renale:

  • Aumento della pressione sanguigna
  • L'aspetto di un prurito.
  • Gonfiore degli arti.
  • Sentirsi stanco, inappropriato per i carichi.

Il trattamento dei sintomi senza consultare specialisti, a casa, porta al deterioramento.

Una malattia può essere provocata da qualsiasi fattore che circonda una persona moderna: stress, ipotermia, superlavoro, immunità indebolita, stile di vita malsano.

La malattia è pericolosa perché può diventare cronica. Con l'esacerbazione del processo patologico si estende alle aree sane. Di conseguenza, il parenchima muore, l'organo si restringe gradualmente. Il suo funzionamento è ridotto.

La malattia può portare alla formazione di insufficienza renale e alla necessità di collegare il dispositivo "rene artificiale". In futuro, potrebbe essere necessario un trapianto di rene.

Le conseguenze sono particolarmente pericolose: l'aggiunta di infezione purulenta, la necrotizzazione dell'organo.

In ICD-10 indicato:

Pyelonephritis affilato. Codice N10

Infiammazione acuta causata da infezione del tessuto renale. Spesso colpisce uno dei reni. Può svilupparsi in un rene sano e può verificarsi sullo sfondo di malattie renali, anomalie dello sviluppo o processi di escrezione urinaria compromessi.

Un codice aggiuntivo (B95-B98) viene utilizzato per identificare l'agente infettivo: B95 per streptococchi e stafilococchi, B96 per altri agenti batterici specifici e B97 per agenti virali.

Pielonefrite cronica. Codice N11

Di solito si sviluppa a causa della non conformità con il regime terapeutico di una condizione acuta. Di norma, il paziente è consapevole della sua malattia, ma a volte può verificarsi in modo latente. I sintomi durante un'esacerbazione diminuiscono gradualmente. E sembra che la malattia si sia ritirata.

Nella maggior parte dei casi, la patologia viene rilevata durante l'esame medico, nell'analisi delle urine in relazione ad altri disturbi (ad esempio, pressione alta) o malattie (ad esempio, urolitiasi).

Quando si raccoglie la storia di questi pazienti, vengono talvolta rilevati i sintomi della cistite trasferita e di altre malattie infiammatorie del tratto urinario. Durante le esacerbazioni, i pazienti lamentano dolore nella regione lombare, bassa temperatura, sudorazione, esaurimento, perdita di forza, perdita di appetito, dispepsia, pelle secca, aumento della pressione, dolore durante la minzione, diminuzione della quantità di urina.

Pielonefrite cronica non ostruttiva associata a reflusso. Codice N11.0.

Reflusso - corrente inversa (in questo contesto) di urina dalla vescica agli ureteri e sopra. Motivi principali:

  • Tracimazione della vescica
  • Calcoli alla vescica
  • Hypertonus della vescica.
  • Prostatite.

Pielonefrite cronica ostruttiva. Codice N11.1

L'infiammazione si sviluppa sullo sfondo di una violazione della pervietà delle vie urinarie a causa di anomalie congenite o acquisite del sistema urinario. Secondo le statistiche, la forma ostruttiva è diagnosticata nell'80% dei casi.

Pyelonephritis cronico neobstructive BDU N11.8

In questa patologia, gli ureteri non sono bloccati da pietre o microrganismi. La permeabilità delle vie urinarie è preservata, la minzione non è violata né qualitativamente né quantitativamente.

Pyelonephritis NOS. Codice N12

La diagnosi è fatta senza specifiche aggiuntive (acuta o cronica).

Pielonefrite calcificata. Codice N20.9

Si sviluppa sullo sfondo di calcoli renali. Se il tempo di rilevare la presenza di pietre e iniziare il trattamento, è possibile evitare la malattia cronica.

Le pietre non possono essere avvertite per anni, quindi la loro diagnosi è difficile. La comparsa di forti dolori nella zona lombare significa solo una cosa: è il momento di contattare uno specialista qualificato. Purtroppo, la maggior parte dei pazienti è riluttante ad andare dai medici ai primi sintomi della malattia.

Da quanto sopra risulta che questa malattia è un vero camaleonte tra le altre patologie. Insidiosa nel suo amore per accettare l'aspetto di altre malattie, può finire tristemente. Ascolta il tuo corpo. Non soffocare il dolore e altri sintomi dell'automedicazione. Chiedi un aiuto tempestivo.

Pielonefrite cronica (acuta): codice ICD 10

Pyelonephritis cronico, codice sull'ICD 10 - N11, assegnato alla classe XIV "Malattie del sistema genito-urinario" ed è definito come nefrite tubulointerstitial cronica. Stiamo parlando dell'infiammazione renale (nephr) costantemente presente nel sistema a coppa e bacino (tubulo) e nel tessuto principale (interstiziale) dell'organo. Le ragioni per lo sviluppo del processo potrebbero essere diverse. Sulla base di questi, si forma la diagnosi.

Tipi di diagnosi

La classificazione statistica internazionale delle malattie e dei problemi legati alla salute, adottata dalla 43ª Assemblea mondiale della sanità, della 10a revisione, identifica diverse categorie di patologia:

  1. N11.0 - non ostruttivo, associato a reflusso (corrente inversa) di urina dall'uretere alla pelvi. Il riflusso può iniziare dalla vescica, passando verso l'alto lungo l'intera lunghezza dell'uretere o da una delle sue sezioni.
  2. N11.1 - ostruttivo, associato ad uno sviluppo anormale dell'uretere, ad eccezione del blocco parziale o completo della pietra del condotto.
  3. N11.8 - pyelonephritis cronico non-ostruttivo senza specificazione supplementare (BDU) associata con processi che non sono inclusi nei gruppi principali.
  4. N11.9 - pyelonephritis cronico non specificato, pyelitis, nefrite interstiziale NOS. La diagnosi viene utilizzata come indicazione preliminare all'inizio dell'esame clinico.

Se è richiesta l'identificazione dell'agente causale della pielonefrite cronica infettiva, l'ICD 10 offre codici B95 aggiuntivi per streptococchi e stafilococchi, B96 per altri batteri e B97 per agenti virali. Il più delle volte, la malattia è associata a Escherichia (Escherichia coli), Staphylococcus aureus, Enterococci e Klebsiella.

Caratteristiche di pyelonephritis cronico

La malattia cronica non si verifica senza fattori di predisposizione. Questi includono:

  • anomalie dello sviluppo di reni, ureteri, vescica, uretra e strutture correlate dello spazio retroperitoneale, piccola pelvi, organi genitali esterni, dimensioni, violazione della posizione, mobilità, presenza di ulteriori elementi atipici;
  • disturbo urinario primitivo o secondario, incontinenza o prolungamento intenzionale prolungato della diuresi (reflusso vescico-ureterale-pelvico, alterazioni del tono vescicale, tumori, ecc.);
  • un declino generale dello stato immunitario, frequenti catarrali o altre malattie infiammatorie, presenza di focolai di infezione cronica (specialmente nel contatto con organi, per esempio, perdonare o ooforiti, ecc.);
  • ormonali, metabolici e altri, che influenzano l'equilibrio di proteine ​​e sale marino, disturbi (urolitiasi);
  • danno al midollo spinale, plessi e tronchi nervosi.

Ci sono caratteristiche di genere e età. Le donne sono colpite 3-4 volte più spesso degli uomini. La diagnosi primaria può essere fatta:

  • nei neonati (fino a 3 anni) a causa della massima definizione a questa età di patologie del sistema urinario;
  • nelle ragazze (con l'inizio dell'attività sessuale) come risultato del contatto con la flora non familiare del partner e i processi neuro-funzionali associati al contatto sessuale;
  • nelle donne in età fertile (durante la gravidanza o dopo una gravidanza interrotta, nel primo periodo postparto, a causa dell'aumento di tensione a questa età sulle malattie ginecologiche;
  • negli uomini sopra i 50 anni a causa di cambiamenti nella prostata;
  • in donne post-climateriche per ragioni di cambiamenti nello stato ormonale.

L'età e le caratteristiche sessuali presentate non sono a rischio. La probabilità di sviluppare la malattia è associata a fattori predisponenti. I dati di morbilità generale nei paesi sviluppati, forniti dall'Unione internazionale di nefrologi, sono dello 0,1-0,3%.

Il processo di solito colpisce un rene. In assenza di un trattamento adeguato, è possibile la formazione di un organo funzionalmente inattivo con un cambiamento nella sua struttura. Con lesioni bilaterali esiste la possibilità di sviluppare uno stato di insufficienza renale cronica.

Fasi della patologia tubulo-interstiziale

La pielonefrite acuta è considerata un fattore scatenante in caso di trattamento inadeguato, improprio, prematuro o incompleto. La malattia ha i segni caratteristici di un processo infiammatorio renale pronunciato:

  • insorgenza improvvisa, febbre variabile (aumento della temperatura corporea nella seconda metà della giornata, seguito da brividi e sudorazione);
  • violazione della diuresi sotto forma di difficoltà o frequente minzione dolorosa;
  • più tardi la sindrome del dolore si unisce (regione lombare dal lato della lesione e il corrispondente ipocondrio), ha bisogno di una diagnosi approfondita e di un trattamento ospedaliero.

Lo stadio cronico latente (asintomatico) può essere un processo transitorio acuto o primario indipendente. Il pericolo principale sta nell'assenza di manifestazioni cliniche significative per il paziente. La presenza di debolezza generale, affaticamento rapido, sensazione di freddo, manifestazioni di disagio nella regione lombare e segni minori di cistite sono spesso ignorati dai pazienti adulti e l'associazione con la propensione al raffreddore deduce la diagnosi di questa forma di infezione renale cronica dalla responsabilità del nefrologo.

Il decorso cronico recidivante è caratterizzato da periodi di esacerbazioni, che sostituiscono la remissione relativamente calma. La gravità dei sintomi è inferiore rispetto al processo acuto, ma più significativa rispetto alla forma latente. Caratteristiche principali:

  • la temperatura sale di sera a valori febbrili pronunciati (+ 38... + 40 ° C), con brividi e sudorazione attiva;
  • gonfiore, manifestato sul viso e sulle estremità inferiori (sulla superficie anteriore delle gambe e sulla schiena (superiore) sui piedi);
  • aumento della pressione sanguigna di 20 mm Hg e altro dal valore sistolico (superiore) originale;
  • dolore, cambiando gli attacchi nella regione lombare sul lato del processo, aggravati da movimenti, agitazione, stress fisico;
  • Violazioni della diuresi sotto forma di urinazione più frequente (non associata al consumo d'acqua) e il rilascio di urina torbida con un forte odore sgradevole (altre impurità nelle urine possono essere rilevate), sono possibili impulsi imperativi (irragionevoli);
  • debolezza, affaticamento, disturbi del sonno (difficoltà ad addormentarsi, insonnia), mal di testa simili all'emicrania.

Qualsiasi sensazione di esacerbazione richiede un esame tempestivo. Trattamento, principalmente ospedaliero. Con manifestazioni minori, il monitoraggio ambulatoriale è possibile con il monitoraggio obbligatorio dei test.

La pielonefrite prolungata nella fase di complicazione si manifesta con la formazione di insufficienza renale cronica. Il suo segno distintivo è aumentato nelle fasi iniziali di sviluppo della diuresi con il rilascio di urina leggera in grandi volumi, principalmente al mattino. In futuro, vi è una diminuzione graduale della minzione, accompagnata da un aumento dell'edema, fino alla sua completa cessazione. L'assenza di diuresi indipendente (ad eccezione dello stato di sonno) per 12 ore con normale assunzione di liquidi è un pretesto per cercare cure mediche urgenti. Per i bambini, le date variano in età: da 3 ore (neonati) a 9 ore (adolescenti).

Cambiamenti nelle analisi

Test di laboratorio e diagnostica hardware aiutano a completare il quadro clinico. Conteggio ematico completo (UAC) dà un'idea della presenza di un processo infiammatorio cronico. Vi sono segni di anemia: diminuzione del numero di eritrociti, emoglobina, diminuzione dell'indice di colore. Aumento dei leucociti a causa di neutrofili con infiammazione batterica o linfociti - con virali. Aumenta la velocità di eritrosedimentazione.

L'analisi delle urine generale (OAM) è indicativa in tutte le categorie definite:

  1. Urina torbida con una marcata diminuzione della densità specifica (la norma è 1.024) e una reazione alcalina acuta (norma neutra) del mezzo.
  2. Segni di danno glomerulare: elevato numero di proteine ​​(la norma non è determinata), presenza di globuli rossi e cilindri ialini. Cambiamenti infiammatori: presenza di leucociti (la norma è unica nel campo visivo) e batteri (la norma è sterile).
  3. Prove specializzate: campione secondo Nechiporenko (il numero di globuli bianchi e rossi in 1 millilitro di urina) - un eccesso importante; Campione di Zimnitsky (determinazione della densità specifica giornaliera) - una diminuzione pronunciata con una predominanza nei campioni del mattino.
  4. L'esame biochimico del sangue, oltre ai cambiamenti infiammatori, è indicativo per determinare lo sviluppo dell'insufficienza renale - un aumento degli indici di creatinina e urea.

Tra i possibili esami dell'hardware dovuti alla non invasività e alla relativa semplicità di applicazione tecnica, la scansione ad ultrasuoni (ultrasuoni) dei reni è ampiamente utilizzata. Dati caratteristici della pielonefrite cronica: la rugosità del contorno e l'asimmetria delle dimensioni dei reni, la deformità e l'aumento del sistema di placche coppa-bacino. Altri metodi sono assegnati secondo le indicazioni.

Forme cliniche

Quando si effettua una diagnosi, viene preso in considerazione il sintomo prevalente della pielonefrite cronica. Questo supplemento non è codificato dall'ICD 10. È necessario valutare il decorso del processo clinico, assegnare una terapia correttiva appropriata e determinare la prognosi della malattia.

Per la forma ipertensiva (ipertesa), è caratteristico un aumento della pressione arteriosa. Inoltre, può essere osservato come uno sfondo costante (dal momento della prima manifestazione), e le fluttuazioni periodiche delle figure (in ciascun periodo di esacerbazione).

La sindrome nefrotica si manifesta con edema cutaneo, caratteristico della patologia renale. Il viso e i segmenti inferiori delle gambe si gonfiano principalmente nella mattina (dopo il sonno). Determinata una grande perdita di proteine ​​in OAM.

L'ematuria macroscopica è un aumento visibile del numero di elementi del sangue nelle urine. Più peculiare per le donne (non dipende dalle mestruazioni). Il test di OAM e Nechiporenko rivela alti valori di cellule del sangue.

La forma settica si presenta con grave intossicazione, febbre, temperatura corporea, brividi e sudorazione. Nella UAC, il numero di leucociti aumenta drasticamente, i batteri possono essere rilevati.

Pyelonephritis cronico durante gravidanza

È piuttosto difficile distinguere i cambiamenti renali funzionali associati ai processi fisiologici di concepimento e di gravidanza, e la manifestazione primaria dell'infiammazione tubulointerstiziale o del periodo di esacerbazione dopo la remissione prolungata. La complessità è aggiunta da una significativa limitazione nella scelta dei farmaci per la cura più completa e rapida dell'infezione.

Il processo renale cronico durante la gravidanza è in grado di avere un effetto negativo pronunciato sulla donna e sul feto. Per la futura mamma, i rischi di infiammazione della mucosa uterina e di altre complicazioni ginecologiche, la formazione di insufficienza renale aumenta e nei casi più gravi c'è il rischio di sepsi. Per il feto - deficienza immunitaria congenita, ritardo della crescita intrauterina, infezione, carico allergico.

Dato che l'infiammazione infettiva dei reni durante la gravidanza viene diagnosticata, nella maggior parte dei casi, nella seconda metà, la probabilità di parto prematuro diventa significativa. E per il bambino - lo stato di prematurità.

La prevenzione della pielonefrite cronica è di grande importanza per la salute. Perché prevenire la malattia per il corpo è molto più facile che tenerlo sotto costante controllo, perché l'infiammazione cronica dei reni non può essere completamente curata.